Dotazione tecnologica

Devo ammettere che durante il cammino di Santiago un po' mi vergognavo quando il discorso cadeva sul peso dello zaino e, in particolare, sul peso degli accessori tecnologici che mi portavo in spalla. Complessivamente, si trattava infatti di oltre 2kg: computer netbook e suo caricatore, mouse, fotocamera e suo caricatore, lettore di schede, smartphone, lettore ebook, cavetto usb multiuso. Può sembrare esagerato, ma si tratta della migliore soluzione che avevo trovato per riuscire ad aggiornare il blog quotidianamente e in piena autonomia.

Quest'anno ho considerato alcune alternative, nella speranza di ottimizzare peso, ingombro e autonomia.

  • Una prima possibilità prevede di tenere un diario su carta e, sfruttando gli internet café o posti simili, ricopiare a mano nel blog e pubblicare. Vantaggio: peso da trasportare quasi del tutto trascurabile (poche decine di grammi). Svantaggio: grosso rischio di non avere voglia e/o tempo di ricopiare; molto improbabile riuscire ad aggiornare spesso il blog.
  • Usare solo uno smartphone, sia per scrivere, sia per scattare fotografie. Soluzione molto leggera, ma purtroppo poco pratica, soprattutto per quel che riguarda la scrittura. Come ho già scritto l'anno scorso, l'uso della tastiera integrata è di una scomodità assoluta. Si potrebbe ovviare a questo problema con una tastiera Bluetooth esterna, anche se non sono molto convinto della comodità di uno schermo piccolo come quello di un cellulare. Inoltre, la qualità della fotocamera integrata, pur essendo tutto sommato dignitosa, potrebbe non essere all'altezza dei soggetti da fotografare.
  • Soluzione dell'anno scorso: netbook, fotocamera, smartphone, lettore ebook, accessori vari. Tutto sommato un buon compromesso che, grazie alla presenza di un vero e proprio computer, consente totale flessibilità.

Soluzione di quest'anno (giro del mondo 2013)

Ho deciso di sostituire il netbook con un tablet Ipad + tastiera Bluetooth esterna. Non trattandosi di un vero e proprio pc alcune operazioni risultano impossibili, ma si aprono scenari interessanti.

Oltre agli aspetti ludico / pratici tipici di un tablet, la consultazione di guide di viaggio risulta infatti estremamente comoda. Ho scaricato le versioni digitali delle guide Lonely Planet dei paesi che toccherò e ora le ho tutte a portata di dito, senza il peso e l'ingombro delle equivalenti versioni cartacee.

Per aggiornare il blog usando solo l'Ipad esistono varie soluzioni. Purtroppo l'applicazione ufficiale WordPress è tristemente inadeguata. Analogamente, l'interfaccia via browser, oltre a risultare inutilizzabile in modalità offline, si scontra con le manette della gabbia dorata Apple; non si possono infatti fare upload di file, enorme limitazione se si vogliono inserire fotografie nei post. Fino a pochi giorni fa prevedevo di usare l'editor di testo Notesy (molto valido) per scrivere in modalità offline, l'applicazione WordPress per fare l'upload delle foto, infine l'interfaccia via web per formattare e impaginare correttamente i post.

Fortunatamente, ho poi scoperto un'applicazione davvero notevole: Blogsy. Non mi dilungherò in una recensione dettagliata, ma devo dire che è esattamente ciò che serve per un blogger in mobilità e che, da molti punti di vista, risulta addirittura più comoda rispetto all'uso di un vero pc. Sia l'ultimo post sul Nepal, sia questo sulla dotazione tecnologica, li ho scritti con Blogsy, seduto al tavolo di un bar di Trento, senza rimpiangere minimamente il pc di casa.

Come nota conclusiva, aggiungo che è possibile collegare una qualsiasi fotocamera all'Ipad per scaricare le foto, grazie ad un apposito accessorio Apple (piccolo e leggero, ma costosetto, circa 30 euro).

A conti fatti, la nuova dotazione tecnologica pesa circa 4 etti in meno rispetto a quella dell'anno scorso.

 

One thought on “Dotazione tecnologica

  1. Ciao Michele, parafrasando vecchi antagonismi tra utenti apple e resto del mondo… finalmente sei passato al lato oscuro! ah ah ah
    Scherzi a parte, sarà sempre e comunque un piacere seguirti (pardon, leggerti).
    Ricordati che ci sono delle tigelle che ti aspettano.
    Un saluto.
    Luca

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *