Nepal: bagni, cibo, e altre curiosità


Warning: Illegal string offset 'addMap' in /web/htdocs/www.miczanin.it/home/apiedi/wp-content/plugins/mygeopositioncom-geotags-geometatags/mygeopositioncom-geotags-geometatags.php on line 639

Warning: Illegal string offset 'position' in /web/htdocs/www.miczanin.it/home/apiedi/wp-content/plugins/mygeopositioncom-geotags-geometatags/mygeopositioncom-geotags-geometatags.php on line 561

Warning: Illegal string offset 'position' in /web/htdocs/www.miczanin.it/home/apiedi/wp-content/plugins/mygeopositioncom-geotags-geometatags/mygeopositioncom-geotags-geometatags.php on line 603

In questo post rispondo ad alcune domande che mi sono arrivate in privato. Si tratta senz'altro di argomenti secondari che possono apparire futili o irrilevanti, ma capisco che dettagli di questo tipo in alcune situazioni possano spaventare o fare la differenza.

Bagni nepalesi

Ormai ho una certa esperienza. Cominciamo col dire che l'unico bagno del tutto identico ai nostri l'ho visto solo nell'albergo di Kathmandu, un albergo esclusivamente per occidentali e di buona qualità, diciamo equivalente a un nostro tre stelle.

Il livello immediatamente al di sotto ha solo una piccola differenza: la destinazione finale della carta igienica. Invece di buttarla direttamente nello scarico, va depositata in un apposito cestino. A Chitwan e Pokhara, in alberghi relativamente lussuosi, c'era un rotolo di carta igienica, mentre in molti altri luoghi lungo il cammino era necessario portarsela da fuori.

Andiamo oltre. In generale, la turca è molto più diffusa del classico wc ed è raro che ci sia lo sciacquone. La soluzione di gran lunga più comune è un piccolo rubinetto, un secchio grande e un piccolo secchiello (vedi foto). L'idea è quelle di mantenere il secchio grande più o meno pieno d'acqua. In caso di pipì, si pesca col secchiello e si getta nello scarico. In caso di rifiuti solidi, si può usare direttamente il secchio grande. Leggendo la Lonely Planet, ho anche capito che i nepalesi NON usano la carta igienica. Quando necessario, usano l'acqua del rubinetto, la mano sinistra e… Ammetto di aver provato questo sistema; nonostante la prima impressione un po' schifosetta, alla fine della procedura si è sicuramente più puliti e freschi. In ogni caso, mantengo una netta preferenza per la carta igienica. In tutti bagni esiste un cestino per gli occidentali che non vogliono rinunciare a carta igienica o fazzoletti di carta.

Andiamo oltre… Le ultime due notti prima del passo Thorung La hanno una caratteristica in comune: non c'è l'acqua corrente. Da nessuna parte. I bagni, rigorosamente esterni, hanno la turca, un secchio grande con l'acqua, e il classico secchiello. Se poi uno deve andare di notte, oltre al freddo belluino, si ritrova con un bel blocco di ghiaccio al posto dell'acqua. Non ho idea di quale sia la procedura corretta da seguire, ma immagino che alcune mattine si possano trovare montagne di escrementi (congelati) non digeriti dagli scarichi.

Docce nepalesi

Inutile dire che negli alberghi a Kathmandu, Chitwan e Pokhara esiste sempre la possibilità di fare un'ottima doccia calda.

Dividerei il cammino in tre parti. Dall'inizio del trekking e fino a Manang solo docce solari. Significa che nelle giornate di sole, se si è fra i primi a farsi la doccia, si trova acqua molto calda. Se invece ha piovuto, è stato nuvoloso, o molti altri hanno già fatto la doccia, allora resta una bella doccia tiepidina o quasi fredda. Dopo Manang e fino al passo, come già detto prima, non c'è l'acqua corrente e di conseguenza nemmeno l'acqua calda per la doccia. Io non mi sono lavato per qualche giorno, ma in caso di emergenza dovrebbe essere possibile comprare sacchi di acqua calda da appendere al soffitto. Dopo il passo, nella maggior parte dei casi è possibile fare una doccia calda indipendentemente dal tempo atmosferico.

Cibo

Alcuni mi dicono che nelle foto appaio magrolino e un po' patito. E' vero che probabilmente ho perso qualche chilo, ma non certo per la mancanza di cibo. In realtà sto molto bene e in questo momento sono decisamente in forma. In generale, i pasti sono stati di ottima qualità, viste le condizioni delle cucine. In alcuni luoghi mancava l'acqua corrente, l'elettricità, e nonostante tutto i gestori sono sempre riusciti a garantire un ampio menù con specialità nepalesi, cinesi, italiane, e indiane. Dove indico i prezzi, mi riferisco all'Annapurna Circuit, dove sono direttamente proporzionali alla quota, i.e. in alto aumentano i prezzi.

Del Dal Bhat nepalese ho già parlato in altri post. Sempre un'ottima scelta, anche perché è l'unico piatto dove è prevista la possibilità di fare il bis (e il tris, a volontà). Prezzo variabile fra 2.00 e 4.00 euro.

Di italiano ho provato solo la pizza (da 2.00 a 4.50 euro). Niente male, anche perché non si trattava certo di prodotti surgelati. L'impasto, per quanto diverso dal nostro, era senz'altro genuino e fatto a mano. E' vero che al posto del pomodoro c'era ketchup piccante e al posto della mozzarella formaggio di yak, ma la combinazione non era affatto male. Gli altri piatti italiani onnipresenti erano vari tipi di pasta (maccaronni, spageti) e le immancabili lasayne, in versione veg e no-veg.

Come piatti cinesi ho provato i mo:mo, quelli che da noi si chiamano ravioli al vapore. Ho provato tanti tipi diversi di ripieni e mi sono sempre trovato bene. La porzione standard è di 10 mo:mo, per un costo sempre molto contenuto, diciamo da 1.20 a 2.50 euro. Anche se forse non è un piatto cinese, ho provato la noodle soup. Saporita e spesso piccante, molti in alta quota la prendono a colazione. Io l'ho provata solo una volta come antipasto. A proposito di zuppe, alle alte quote ho gradito molto la French Onion Soup (zuppa di cipolle francese), sempre sotto ai 2 euro.

Come piatti indiani, mi sono appassionato al Chicken Biyriani, un mix di aromi buonissimi ed un piatto molto sostanzioso. Eccellente la presentazione di questo piatto a Marpha, completata da un pomodoro scolpito, contenente una candela accesa… Prezzi leggermente più alti, da 3.00 a 5.00 euro.

In caso di fame acuta, mi sono concesso un rosti di patate con uovo fritto (da 1.50 e 2.50 euro). Fantastico quello di Hile, arricchito con spezie, cipolle e altre verdure.

Per quel che riguarda la colazione, ho attraversato alcune fasi. Fino a Manang ho sempre preso uno speciale the con zenzero, limone e miele, più pane chapati con marmellata e miele. Da Manang al passo, sempre lo stesso the, accompagnato però da pancake di mela. Da Muktinath in poi, latte caldo e uovo fritto. Non ho una spiegazione sul perché di queste scelte; semplicemente di questi cibi avevo voglia.

Laudry service

Inizialmente ho lavato personalmente i panni sporchi. Poi, visti i risultati scarsi e l'avversione istintiva che provo per questo lavoro, mi sono appoggiato ai servizi offerti dagli alberghi e dalle guesthouse. Il lavaggio è sempre molto veloce, mentre l'asciugatura dipende essenzialmente dal sole. A Kagbeni ho beccato un pomeriggio di pioggia e i panni sono rimasti umidicci per un paio di giorni. A Pokhara a Kathmandu invece ho fatto lavare completamente l'intero guardaroba. Non conosco i prezzi negli alberghi italiani, ma immagino che qui siano molto più bassi. A Pokhara, dove ho fatto lavare un grosso sacchettone di indumenti lerci, ho speso poco più di 3 euro.

Altre curiosità

Divertente gironzolare per il quartiere Thamel di Kathmandu. Si tratta della zona più turistica della città, dove sono concentrate quasi tutte le agenzie di trekking, i negozi di articoli (tarocchi) da trekking, le bancarelle dei souvenir, e dove soggiornano praticamente tutti i trekkers durante la parmanenza nella capitale. Mentre cercavo un buon ristorante sono stato avvicinato da un numero imprecisato di tizi che prima mi chiedevano la provenienza (un sorrisone e where are you from?). Poi, con ottima pronuncia, le uniche parole in italiano che conoscevano: fumo? droga? marijuana? hashish?… Dopo il mio diniego, uno di loro, se ho ben capito, mi ha proposto due ore di massaggio con sua sorella, mmm…

Ancora più numerosi quelli che ti avvicinano, fanno i simpaticoni (italiano? ehi a Roma conosco Alex, un caro amico…), per poi proporre trekking super-scontati. Ma qui ho risolto facilmente dicendo chiaramente come prima cosa che ho già camminato e che ho solo un altro giorno in Nepal.

In caso di domande, vedrò di aggiornare questo post con ulteriori curiosità…

 

14 thoughts on “Nepal: bagni, cibo, e altre curiosità

  1. Zio sei proprio matto!! L episodio della carta igienica ci ma fa morire dal ridere! Ciao Giorgia e Federico!

  2. Dopo aver letto con un misto di spavento e divertimento la tua avventura con le api, ti do qualche indicazione se per caso in futuro ti capitassero ancora incontri ravvicinati con insetti: l’ideale sarebbe che ti procurassi uno stick a base di ammoniaca, da usare entro i primi cinque minuti dalla puntura, in modo da non far entrare nel sangue il veleno; poi una pomata specifica per punture da usare nelle ore successive (non sulle palpebre) ed eventualmente, se si forma infezione (eccessivo gonfiore, rossore, prurito ed eventualmente secrezioni purulente) una pomata antibiotica. L’antistaminico serve se ti si scatena una reazione allergica (nel caso più grave shock anafilattico)…come sempre, buona strada!

    • grazie Marta per le preziose informazioni. Come avrai immaginato, non avevo a disposizione nemmeno una delle cose che hai elencato. Per fortuna non ho avuto reazioni allergiche, né tantomeno infezioni. Certo che se dovessi portare medicinali per ogni possibile incidente, dovrei dedicare una valigia intera alla farmacia 😉

  3. ciao michele!!! fantastico il tuo viaggio! nicolò vuole chiederti come è andata con le zanzare cattive (della malaria)…è preoccupato per te! un abbraccio dal suolo natio!

    • ciao cug, ciao Nicolò, ciao suolo natio!
      c’erano parecchie zanzare, ma grazie al repellente e al letto a zanzariera credo di non essere stato punto nemmeno una volta. Comunque la guida locale mi ha detto che la zona di Chitwan è del tutto sicura dal punto di vista della malaria, quindi le zanzare “non” sono cattive. Saluti a tutti!

  4. In India (ma penso anche in Nepal) il doppio secchio serve anche per farsi la doccia: si riempie il grande, e con il piccolo si attinge per farsi delle abluzioni. Il suo uso deve essere così radicato che l’ho trovato anche nel bagno di un albergo quasi lussuoso, meravigliosamente attrezzato (all’occidentale); tanto per capirci il bagno era grande come la mia camera da letto, ed in camera mi avevano messo a disposizione un computer: Eppure, ti davano anche il doppio secchio…

    • eheh, grazie per le info Marina. Non avevo pensato alla doccia col secchio. Effettivamente anche qui nell’albergo di lusso a Kathmandu, ci sono in bagno i due secchi, apparentemente del tutto superflui.

  5. Pizza col ketchup piccante al posto del pomodoro? l’hai mangiata? e l’hai pure gradita? o_O
    ……………………………………………………………………………………………………….
    ……………………………………………………………………………………………

    non ti saluto più ………………………………………………………………….
    😛

    • no dai, romina, salutami ancora 😛
      a mia discolpa posso dire che l’unica bestemmia è nel nome “pizza”. Se le chiamassero in altro modo, si tratterebbe dell’ennesimo piatto locale un po’ bizzarro. Confermo comunque che queste pseudo-pizze non sono malaccio; sicuramente meglio delle pizze industriali che si possono trovare in giro per il mondo (ad es. negli USA).
      Lasciami aggiungere che un po’ di piccante migliora qualsiasi piatto 😉

      • A proposito dell’idea di pizza da quelle parti: in India ho visto una “pizzeria” dove campeggiava a lettere cubitali: REAL AMERICAN PIZZA..
        Non ho osato assaggiare l’imitazione indiana dell’imitazione americana della VERA AUTENTICA PIZZA NAPOLETANA.
        Buon appetito Michele

  6. Grandioso il tuo racconto quotidiano (o quasi). Anche io e Martina e le “Aringhe” ti stiamo tenendo d’occhio con molta invidia (non per le punture) e curiosità! Al prossimo aringhemeeting pizza piccante al ketchup!

  7. Ciao,
    ti seguo con grande ammirazione e nostalgia per posti che in parte ho già visitato,
    Non dimenticherai mai gli occhi di tutte quelle persone.
    Ora in thailandia la cosa sarà molto ma molto diversa, è un paese più sviluppato
    e non avrai difficoltà a mangiare, ci sono moltissimi siti archeologici molto ben tenuti. Ho fatto il nord fino al confine laos Birmania, ti consiglio di andare al villaggio delle donne giraffa a nord est ma stai attento da quelle parti a gironzolare in solitaria c’è traffico di droga.
    Beato te !!! Che invidia !!
    Fabrizio dalla tua terra natia

  8. ciao, Michele. Ti seguiamo volentieri, a volte in ansia, altre proprio divertiti.
    Il tuo ” trattato” dei bagni, è capitato proprio il giorno che avevamo Filippo da noi, e , in procinto di svolgere le sue funzioni corporee, si è messo a disquisire su come si pulivano i signori una volta, quando non avevano la carta igienica : si pulivano con I DITI . ( informazioni ricevute da nonno Ivano)
    Quando poi la sera ti abbiamo letto , ci siamo fatti una grassa risata, vista la contemporaneità dall’argomento.
    Buon proseguimento al caldo ! zii Cristina e Claudio

  9. Pure a noi a Kathmandu ci hanno assediati con proposte di acquisto psicotrope…

    Solo che noi non abbiamo rifiutato….. e abbiamo fatto conoscenza con a Tholla…

    L’unità di misura nepalese per le faccende illecite…. che diversamente al resto del mondo non corrisponde ad un grammo… bensì a 12….

    12 grammi di Charas di qualità superiore!!!! Non che la sponsorizzi, per carità…
    ma che benessere!!!! :-)))))

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *